Subito un Comitato Provinciale con le OO.SS. per sostenere le lavoratrici e i lavoratori

Il sistema sanitario e socio sanitario assistenziale sul territorio è allo stremo

Si deve poter dire alle lavoratrici e ai lavoratori in prima linea che tutti i soggetti istituzionalmente preposti si stanno occupando di loro. Il contagio resta alto seppure in lieve flessione e questo vuol dire che la pressione su sanità e case di riposo non diminuirà in tempi brevi, con la tenuta fisica oltre che psicologica degli operatori a forte rischio.

L’emergenza deve essere gestita anche attraverso procedure automatiche e risolutive, compresa una scala di priorità e un tavolo unico,

è quello che chiedono le scriventi OO.SS.

La situazione sanitaria è difficile, con diversi casi di contagio all’interno delle strutture sanitarie tra ospiti ed operatori, che seppur inconsapevolmente positivi, devono continuare ad assicurare i servizi. Le segnalazioni arrivano numerose sia dalle strutture ospedaliere che dalle case di riposo sparse in tutto il territorio.

E’ necessario dare seguito velocemente all’estensione obbligatoria dei tamponi per tutto il personale sanitario ed assistenziale impegnato quotidianamente nell’assistenza di persone fragili e maggior- mente esposte al contagio.
Il sistema deve garantire i dispositivi di protezione individuale adeguati a partire dalle mascherine FFP2, ma anche la formazione del personale, un supporto per garantire continuità assistenziale e un aiuto per superare il momento di un eventuale pausa perché risultati positivi.

Le OO.SS. chiedono la costituzione di un tavolo di confronto con la Provincia e tutti gli altri soggetti coinvolti nell’emergenza sanitaria. A livello nazionale è stato siglato lo scorso 24 marzo il Protocollo con il Ministero della Salute che prevede di costituire un Comitato per la verifica e il monitoraggio delle misure di prevenzione e sicurezza per COVID-19 sui territori.

E’ urgente istituire un Comitato tecnico di confronto anche sul nostro territorio, si potrebbe chiamare Comitato Provinciale, come previsto dal protocollo nazionale, al fine di analizzare le difficoltà di ap- provvigionamento dei dispositivi di protezione, quelle organizzative di alcune strutture e la fragilità di ospiti ed operatori che necessitano in questo momento della particolare attenzione di una task force specifica.

01.04.2020

page1image19856page1image20016

AGB CGIL SGBCISL UIL SGK

ASGB GS-AGO-SAG NURSING UP